Tag

, , , , ,

Ragioniamo. Se ce l’ha Google, se ce l’ha Apple, se ce l’ha Toyota, se ce l’ha Kyocera (quella che costruisce fotocopiatrici), se ce l’ha l’italiana Fratelli Branca (quella dell’aquila che artiglia la bottiglia di liquore), perché allora non potrebbe avercelo anche la Pubblica Amministrazione italiana?!

Sto parlando di un programma di mindfulness aziendale.

A Google, ad esempio, si chiama “Search inside yourself”, altrove ha nomi ed etichette differenti, più belle e più creative, forse. Poco importa. A contare è che si tratta sempre della stessa cosa: affrontare la vita lavorativa (e non solo quella) con mindfulness significa avere una mente più consapevole, più presente, più aperta, meno giudicante. Significa essere più orientati alle soluzioni e meno ai conflitti, significa essere più creativi, empatici verso sé e gli altri. Insomma, significa vivere meglio e aumentare il rendimento in ufficio, significa ristrutturare l’immagine della P.A. e far ricredere i tanti, troppi, cittadini che oggi ci giudicano elefantiaci e arretrati, svogliati e fannulloni (dico “ci giudicano”, perché sono un dipendente pubblico da dieci anni e pertanto conosco bene questa realtà).

Il Governo nazionale parla di una P.A. più efficiente, più moderna, meglio organizzata e al passo con i tempi. Bene la tecnologia, bene le competenze specifiche, al tempo stesso propongo un impegno serio per far crescere anche le competenze emotive negli oltre tre milioni di “civil servant” nazionali.

Per questo credo fortemente nell’utilità di un programma di mindfulness aziendale che posso presentare con le parole che seguono.

Impara a vivere bene in Ufficio
Corso di comunicazione efficace, crescita personale e mindfulness aziendale

Premessa
Che stress il lavoro! Tra il capo che incalza, colleghi poco collaborativi e polemici, riunioni interminabili e scarsamente produttive e utenti rognosi finisce che la sera arrivi a casa esausto e incavolato nero…

D’accordo, ma ora ti chiedo di fermarti un momento e di riflettere: il lavoro assorbe ben oltre la metà della tua esistenza, giusto? Ma se rinunci a viverlo come un’esperienza positiva ed arricchente per te stesso/a e per gli altri, significa che hai dimezzato in partenza il tuo budget di felicità. Significa, cioè, che hai creato i presupposti per accogliere nella tua vita mostri quali stress, ansia, rabbia, rancore e sfiducia. Ti lascio immaginare, alla lunga, le conseguenze…

Per fortuna il rimedio c’è e consiste nell’apprendere ed applicare tecniche di auto miglioramento che sviluppano la consapevolezza di pensieri, sentimenti, comportamenti e linguaggio. Alcune aziende di successo hanno già applicato programmi simili e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: miglioramento dei rapporti interpersonali tra colleghi, maggior rendimento, rinnovato entusiasmo. Qualche esempio: Google, Toyota, Kyocera (sì, quella della fotocopiatrici) e l’italiana Fratelli Branca, che dal 1845 produce liquore.

Al termine di questo seminario saprai come ritrovare il giusto equilibrio tra aspirazioni e realizzazione, tra la vita privata e quella professionale, e tra il bisogno di certezze e la necessità di accogliere il cambiamento. E saprai anche come ascoltare e farti ascoltare dai capi e dai collaboratori, e come interagire in modo funzionale con i tanti cittadini che ogni giorno affollano gli sportelli del tuo Ente. Insomma, avrai fatto un investimento sulla tua persona, capace di incidere positivamente sulla qualità della tua vita professionale e privata.

Destinatari
Amministratori locali, Segretari comunali, dirigenti, funzionari, impiegati della Pubblica Amministrazione (che vogliono migliorare la qualità dell’ambiente di lavoro e aumentare la produttività).

Programma

1. Stress da lavoro, brutta bestia
I dati dell’Agenzia Ue per la sicurezza e la salute sul lavoro: le cause e i rimedi

2. Cosa significa comunicare
Con “chi” comunichiamo e “come” comunichiamo
La comunicazione empatica

3. Il dialogo interno
Dalle stalle alle stelle sfruttando il potere dei pensieri positivi e delle anticipazioni

4. Come gestire il conflitto
Cinque semplici passaggi per sciogliere le tensioni, risolvere i problemi e conservare un buon rapporto con i colleghi e gli utenti

5. Come spostare il focus mentale
Passare da «Che sfigato che sono…» a «Qual è la soluzione?» e «Come posso migliorarmi?»
L’atteggiamento giusto per superare le criticità e trasformare gli errori in risorse

6. Come affrontare le preoccupazioni
Tecniche di mindfulness per ripartire con entusiasmo

7. Nervoso, stanco, giù di morale?
Tecniche di mindfulness per ritrovare la giusta motivazione
Il dono della respirazione addominale: come rilassare la mente prima di un importante appuntamento di lavoro

8. Piccole parole, grandi differenze
Il linguaggio giusto per comunicare efficacemente con il capo, i collaboratori e gli utenti

9. Il valore del team
Le riunioni che servono: saperle organizzare e gestire

Date, orario e sede
Da concordare con la singola Amministrazione

Relatore
Dr. Paolo FOSSATI
Laurea in giurisprudenza, direttore area comunicazione di ente locale, PNL practitioner.

Info: vivipresente.verdechiaro@gmail.com

Annunci