Tag

, , ,

CURIOSANDO SI CRESCE – «Ti irrobustirai solo quando ci sbatterai il naso». Quante volte me lo sono sentito ripetere da mia madre… E in effetti le cose in cui sono diventato bravo da adulto hanno un legame diretto con le esperienze in prima persona che ho vissuto in tempi piuttosto lontani. “Provare per credere”, recita il proverbio. Per chi preferisce, invece, si può citare San Tommaso, a proposito di nasi. Dove voglio arrivare? A un’interessantissima citazione di Vittorio De Sica su Alberto Sordi, raccolta da Goffredo Fofi e riportata nella biografia dedicata al compianto attore romano. L’ho fotografata per voi. Eccola: 

dav

A farmi riflettere è una frase in particolare, pronunciata con pudore e rispetto, ma che ha in sé una crudezza che tocca nel vivo e proprio per questo spiega molte cose: «Sordi (…) ha patito quasi la fame (…) prima di arrivare».

Parafrasando, si potrebbe dunque dire che Sordi ha così ben interpretato l’italiano medio perché lui ha vissuto da italiano medio a 360 gradi, prima di diventare ricco e famoso e entrare in un’altra dimensione. Con l’italiano medio, uscito dalla seconda guerra mondiale con le pezze al sedere, ha condiviso le sofferenze, le speranze, le amarezze, le delusioni, il coraggio, la disperazione. Non avrebbe potuto essere così efficace negli svariati ruoli in cui si è calato, se non fosse appartenuto a quella stessa categoria di connazionale che poi ha rappresentato sul grande schermo. Lui non ha recitato e basta, ma ci ha messo ogni volta quel tocco personale che o ce l’hai dentro, o non te lo puoi inventare, perché il pubblico se ne accorge, non lo freghi, capisce che fingi. Invece lui no, era autentico, perché c’era passato.

E allora, per tornare alla frase di De Sica e cavarci un insegnamento, possiamo dire che ogni cosa abbiate in mente di realizzare, dovete tenere ben presente che sarete più credibili se avrete un’esperienza diretta nello stesso ambito in cui vi volete cimentare.

Posso io, dipendente pubblico dal 2004, fare il coach agli architetti? No, a meno che non mi metta a frequentare per un bel po’ di tempo il loro ambiente, a respirare la loro stessa aria, alla ricerca delle criticità con cui quel mondo si confronta quotidianamente. E’ la stessa ragione per cui gli allenatori delle squadre di calcio sono quasi tutti ex calciatori. Ed è la stessa ragione per cui il nostro core business, nella nuova vita parallela di consulenti, è la Pubblica Amministrazione, settore che viviamo in prima persona ogni giorno e di cui vediamo problemi e intravvediamo prospettive e speranze.

Vuoi aprire un ristorante? Bene. Ma almeno per qualche anno hai servito ai tavoli? Hai fatto il cassiere? Hai dato una mano allo chef in cucina?

Vuoi aprire un panificio? Ottimo. Ma almeno per qualche anno hai sfornato panini e pizze alle 5.00 del mattino indossando pantaloni corti davanti al forno anche in pieno inverno?

Vuoi fare il sindaco? Fantastico. Ma almeno hai alle spalle una seria esperienza di amministratore locale?

Come fai a conoscere i trucchi del mestiere, e dunque a inventare nuove soluzioni, se non ti sei mai sporcato le mani con la stessa pasta che pretendi di plasmare? Il lavoro lo devi vivere, non subire.

Ed ecco, cari amici, che siamo di nuovo a Sordi e al valore dell’esperienza diretta, per quanto difficile questa possa essere, o essere stata. 

E voi, in quale nuovo ambito volete lanciarvi? Partite da zero, oppure avete un bagaglio di conoscenze pregresse che potete spendere fin da subito?

Buon fine settimana, a venerdì prossimo.

Ad maiora!

Annunci